Untitled-1.png

Ciao.

Io sono Arianna e vi do il benvenuto nel mio blog. 

Come prendersi cura della propria pelle nei mesi più freddi

Come prendersi cura della propria pelle nei mesi più freddi

Ci possiamo credere che Novembre sia già finito? Caspita ragazzi, a me sembra ieri che andavamo in spiaggia o ai giardini in cerca di un po’ di ombra fresca sotto gli alberi. Ora invece saltelliamo da un marciapiede all’altro inseguendo i raggi di sole che molto timidamente ci scaldano il viso. Si lo so, oggi sono più poetica del solito. Accettiamolo!
Adoro l’inizio dell’inverno, specialmente il periodo natalizio. Il freddo sembra ancora accettabile o forse siamo semplicemente concentrati sulle luci, la prima neve molto romantica, la cioccolata in tazza. Tutte cose che poi verso Gennaio dimentichiamo ed iniziamo nuovamente a sognare le calde giornate di primavera.
Una delle cose che inizio a fare appena arrivano le prime giornate di freddo è truccarmi di più. Odio truccarmi d’estate, perché mi sembra che la faccia mi si sciolga costantemente, mi pizzica e mi da fastidio. Il 90% dei giorni primaverili/estivi li spendo a faccia nuda. 
D’estate ho una skin care routine molto semplice e basic. Non devo togliere make up a fine giornata quindi la mia pelle è tendenzialmente più equilibrata, faccio il peeling solo una volta a settimana per non irritare eccessivamente la pelle, ecc… Niente a che vedere con la mia skin care invernale che invece ha molti più step e molti più prodotti. Quindi rimbocchiamoci le mani ed iniziamo.

2 bicchieri d’acqua
Questo step l’ho aggiunto quest’anno perché mi sono resa conto che d’inverno tendo a bere pochissimo, e si sa che l’idratazione è il segreto numero uno di una pelle sana e radiosa. Vicino al lavandino del bagno tengo il mio bicchiere così appena sveglia, prima ancora di lavarmi il viso, mi bevo due bicchieri di acqua non troppo fredda.

Detergente
La mattina mi piace trattare la mia pelle gentilmente. I miei detergenti preferiti sono Aqua Marina o Fresh Farmacy di Lush. Io ho una pelle mista che tende a ungersi, in più adoro utilizzare gli oli la sera come idratanti, quindi questi due detergenti sono perfetti perché detergono in modo delicato, senza scombinare il ph della pelle, e allo stesso tempo il composto di polvere di calamina assorbe l’eccesso di sebo. Lo applico direttamente sulla pelle senza utilizzare il Carisonic perché lo trovo un po’ troppo aggressivo sulla mia pelle nelle giornate invernali.

Siero
Il siero cambia spesso a seconda dello stato della pelle. Cerco di utilizzare almeno una volta al giorno un siero per le impurità e i punti neri, perché con il make up i miei pori tengono a ostruirsi facilmente. Al momento adoro il salicylic acid 2% di The Ordinary, di cui vi ho già parlato un milione di volte ormai. Ultima new entry è invece l’azelaic acid suspension 10%, che è più una crema da utilizzare mattina e sera. Ha un odore orribile ma quando la uso costantemente vedo veramente la differenza. La pelle è più uniforme e i pori sono meno visibili. L'acido azelaico è un componente prodotto naturalmente dal lievito che vive sulla pelle, ne illumina la tonalità migliorandone l'uniformità e riducendo l'aspetto delle imperfezioni.

Crema Idratante
La crema idratante per il viso è stata la mia spina nel fianco per moltissimo tempo. Non riuscivo mai a trovarne una che fosse vegan e cruelty free e al tempo stesso non contenesse una quantità esagerata di profumo. Poi ovviamente ho provato quella di The Ordinary, natural moisturizing factors + ha, e mi sono innamorata. Nonostante adori provare nuovi prodotti, non ho alcuna intenzione per il momento di cambiare la mia crema per il viso perché questa è PERFETTA. Ne serve pochissima, è super idratante senza appesantire la pelle.

Protezione solare
D'inverno passo molte delle mie giornate in casa; lavoro autonomamente ed il mio ufficio è direttamente in casa mia. Quindi non utilizzo molta protezione solare. Utilizzando i peeling chimici è sempre ottima abitudine ricordarsi di applicare giornalmente una protezione solare. D'estate e nei giorni in cui sto fuori casa utilizzo la crema viso della Coola SPF 30 che vi avevo già mostrato, in più il mio fondotinta ha all'interno una protezione SPF 15.

2EF77770-A194-460D-8414-F0F26575D499.JPG

Detergente per rimuove il make up
A fine giornata di ricomincia di nuovo. Non che mi dispiaccia perché il momento della skin care è sempre stato il mio preferito. È una coccola, un po’ di tempo che dedico a me stessa, e non ho mai fretta di terminare. Ultimamente sto utilizzando l’accoppiata Olio + Panno in microfibra. Ho visto l’estetista cinica che ne parlava sulle sue Instagram stories e ho deciso di provare. 
Ho sempre fatto fatica ad utilizzare i latti detergenti, l’acqua macellare ecc… non mi piace la consistenza e non mi piace utilizzare migliaia di dischetti di cotone. Non ho pazienza. Stessa cosa per le salviette struccanti che trovo troppo aggressive sulla pelle, e che ho confinato alla box dei prodotti da viaggio.
Ho quindi rispolverato il panetto struccante in microfibra che avevo acquistato da Sephora, e riposto la mia fiducia nel mio alleato più fedele; L’olio di cocco. Che dire, è la soluzione perfetta. 
Prendo una pallina di olio di cocco, che in questi mesi è solido quindi molto facile da utilizzare, e lo schiaffo sul viso iniziando a sciogliere delicatamente il make up. Quando mi sono trasformata in una tavolozza di colori allora prendo il panetto in microfibra, lo bagno con acqua calda (non bollente) e lo passo sul viso per togliere tutti i residui. 
Già che c’ero, ho acquistato anche l’olio solido della Cinica, dal momento che contiene tutti prodotti naturali ed cruelty free. Trovo sia un ottimo prodotto che userò molto d’estate quando l’olio di cocco sarà sciolto e quindi più difficile da gestire. Sul sito questo prodotto è associato a diversi usi, io personalmente lo sto usando solo per rimuovere il make up e mi piace. L’unica nota negativa va all’odore che è poco invitante, penso sia dovuto all’olio di girasole che contiene all’interno. Ovviamente apprezzo che non abbia aggiunto elementi chimici per correggerlo quindi cerco di passarci sopra.

Siero notte
La sera applico il siero granactive retinoid 2%, per l’invecchiamento della pelle. Forse a qualcuno sembrerà strano dal momento che ho 27 anni, ma questo siero serve appunto a prevenire e rallentare i segni dell’invecchiamento, e personalmente ho notato che mi aiuta a mantenere la pelle più uniforme e con meno imperfezioni.
Se la mia pelle è in un momento di crisi esistenziale, allora scelgo di utilizzare il siero con acido salicilico anche la sera.

Peeling
Una volta a settimana mi piace dare un'ulteriore boost di esfoliazione e opto generalmente per un peeling. Ho sempre fatto peeling meccanici, con zucchero o la polvere di bamboo del brand Argonauti, ma ultimamente ho deciso di provare quelli chimici e devo dire che mi sto trovando bene. Bisogna prestare molta attenzione perché sono prodotti che possono diventare pericolosi se non utilizzati con cura quindi vi consiglio di documentarvi prima di provarli sulla vostra pelle. Io sto usando il aha 30% + bha 2% peeling solution di The Ordinary, si lo so che sta diventando un po' una skin care mono brand, ma questi sono i prodotti che uso quotidianamente. Gli acidi alfa idrossilici (AHA) esfoliano la parte più superficiale della pelle mentre i BHA penetranp più in profondità andando a pulire ed esfoliare i pori. Va applicato a viso e collo a pelle rigorosamente pulita e asciutta, evitando il contorno occhi, e tenuto in posa solo 10 minuti. Poi va risciacquato con acqua tiepida. Pizzica un po' e arrossa la pelle. Io lo faccio solitamente durante il weekend la sera.

777C57A9-DB3A-4A49-97D0-AA2903C914B5.JPG
1F19E31D-40FC-4230-80ED-CEB0479581D6.JPG
F09AB677-D19A-45B4-A0ED-632FDA6F24F4.JPG

Maschera
Adoro fare le maschere al viso. Mi riporta indietro nel tempo quando mia nonna mi faceva la pulizia del viso e usava tutti i suoi pastrocchi fatti in cucina. 
Più o meno una sera si e una no, prima di andare a dormire, applico una maschera notte; Alterno tra la Total Renewal di Mádara, la Extra-firming Night Facial Mask di Natura Siberica e la Drink Up Intensive Overnight Mask della Origins.
Se non sono di fretta, prima di fare la doccia (mattina o sera che sia), uso la maschera Cup o'coffee di Lush. La lascio in posa una decina di minuti e poi la rimuovo direttamente in doccia.

Olii
Quando non opto per una maschera notte, alterno tra il 100% cold-pressed virgin marula oil di The Ordinary e l'Huile Prodigieuse della Nuxe. Trovo che gli olii sappiano dare maggiore conforto alla mia pelle, specialmente d'inverno, e non trovo che questi due prodotti l'appesantiscano in nessun modo. Ne uso poche gocce e le applico sul viso con un leggero massaggio, non mi preoccupo troppo che il prodotto venga totalmente assorbito dalla pelle, anzi. 

Mani
Un'altro cambiamento fondamentale della mia beauty routine, riguarda le mani. Mentre d'estate non mi danno troppi problemi, d'estate diventano letteralmente la mia spina nel fianco. Secche, screpolate e fastidiose in generali. Se avanzo un po' di olio la sera, lo applico sulle nocche e vicino alle unghie, altrimenti utilizzo una crema mani. Quest'anno ho optato per ha3 hand hydrator di The Chemistry Brand. 
A differenza delle creme tradizionali che offrono solo un'idratazione superficiale, questa crema a tripla funzione offre un'idratazione multi-livello formando come un "guanto" di protezione invisibile. Contiene acido ialuronico per un'idratazione immediata e una base di burro di mango, olio brasiliano di Açaí e Inca Inchi per un'idratazione più intensa e a lungo termine. Nonostante la sua potenza non rende le mani appiccicose e per questo riesco ad utilizzarla anche durante la giornata senza alcun problema. Ha una gradevole fragranza di limone che però risulta molto leggera e non mi disturba per nulla.

Labbra
Ci troviamo un po' su di un fronte a me sconosciuto. Le mie labbra non mi hanno mai dato molti problemi. Non tendono a screpolarsi o a fare quelle orribili pellicine quindi mi ritengo fortunata. L'unica cosa che fanno, sia d'inverno che d'estate è che di punto in bianco si gonfiano e iniziano a pizzicarmi. Non chiedetemi perché e cosa le disturbi perché non lo so. Sono apparentemente la parte più ormonale del mio corpo. Personalmente mi da molto sollievo l'utilizzo della menta. Utilizzo un burro cacao alla menta che ho acquistato a Vienna in un momento di panico questa estate, o l'olio Eclat Minute della Clarins, o molto semplicemente un po' di olio i cocco con una goccia di olio essenziale. La combinazione di idratazione e freschezza fa miracoli, in ogni momento della giornata.

53D17F4A-4AF9-4A5E-BB93-F0B887A53724.JPG

Così si conclude la mia skin care routine invernale. So che può sembrare eccessiva, ma questo è il risultato di mesi e mesi di studi e prove, ed è la combinazione che mi aiuta a mantenere la mia pelle in equilibrio. 
Voi che prodotti utilizzate? Siete per una routine minimalista o avete, come me, un piano d'azione multi-step?

Lush Naked Range | La mia opinione

Lush Naked Range | La mia opinione

Gift Guide per lei | Regali Eco-Bio, Zero Waste, Vegan

Gift Guide per lei | Regali Eco-Bio, Zero Waste, Vegan